Posts Tagged ‘champagne’

Bollicine, queste (s)conosciute

Non credevo di avere il palato per bere bolle, mai stata una grande estimatrice…ma poi ho cambiato idea, ora sì! Lo sono!

Sarà la curiosità di uno stile poco esplorato, sarà che quando te le raccontano bene, quando le occasioni sono quelle giuste, quando c’è chi si impegna per crearle le occasioni, quando le bolle sono quelle buone…ecco, allora è lì che le scoperte sono meraviglia, rivelazioni e ricordi.

Ricordi. Non è una parola a caso. Ci sono vini che si ricordano, sempre. Si impara il nome, il gusto rimane in bocca e in testa. Si ricorda il momento, se ne ricerca la storia (su questo, credo di essere maniacale io). Da qualche mese, ricordo le bollicine! Ne ho bevute molte (o comunque più del solito), di conosciute ma soprattutto di nuove. Dai brand più famosi, alle etichette inaspettate.

Che dire? Un incontro inaspettato, rivelazioni e bollicine. Di seguito i RICORDI migliori (e non).

image1 (3)Dimenticavo di precisare che qui parlando di bollicine mi riferisco al metodo classico (o Champenoise, da Champagne!), in cui la rifermentazione del vino avviene in bottiglia con un periodo di riposo sui lieviti. La presa di spuma è più lenta e regala bolle più eleganti e fini rispetto agli spumanti ottenuti con metodo charmat (di cui esempio più conosciuto è il Prosecco).

Tre bottiglie, tre brand importanti, due francesi e una italiana. Era una serata diventata impegnativa, e forse per questo, forse perché mi mancava una full immersion così…ma io ricordo solo il Ferrari! Anche perché le dimensioni, per quanto se ne dica, contano! Magnum di Perlè Trento DOC 2009: Chardonnay 100%, affinato sui lieviti per 5 anni. Metodo Classico elegante, con perlage (bolle) fini e persistenti. La bocca rimane vellutata, fruttata ma matura. Io ricordo il sapore di lievito, crosta di pane e mandorla, leggera punta amarognola sul finire che ci sta sempre.

image1Mi tocca un ulteriore applauso all’Italia, zona Pavia, con Monsupello Nature (a me sconosciuto prima d’ora). Pinot Nero pas dosé (dosaggio zero, vale a dire no zuccheri aggiunti – secco!). Cosa ricordo di questo vino? Il perlage morbidissimo, rotondo, fine. Il retrogusto lungo e amaro, l’acidità non pungente, la struttura equilibrata. Da provare! Da bere di nuovo.

image3E ora la Francia. Grandi, grandissimi champagne. Qui Taittinger: produttore e marchio tra i più importanti e famosi dello Champagne, con sede a Reims. Non solo assaggiato, ma anche bevuto in abbinamento a ostriche questo Comtes di Champagne, Blanc de Blancs 2006 (di cui parlavo già nel post precedente, ricordi?). Come se fosse ieri: eleganza indescrivibile e cremosità burrosa (si può dire?!). Cuveé di chardonnay, complesso ma con un’acidità perfettamente integrata e non esplicita. Minerale e facilissimo da amare perdutamente. Mi ripeto, ma è così!

image4

Dulcis in fundo: Taittinger Champagne Les Folies de la Marquetterie. Le bolle, quelle sconosciute che vuoi che diventino conosciutissime…

Il nome deriva dallo Château de la Marquetterie, dove la famiglia Taittinger iniziò l’attività produttiva in Champagne. Les Folies è il nome del vigneto singolo da cui derivano le uve. Maggior parte Pinot Noir, unito allo Chardonnay che rimane in affinamento 5 anni sui lieviti per regalare una sensazione piena, vellutata in bocca. E qui, le note degustative me le sono appuntate! Profumo intenso, fruttato con note di brioches e vaniglia. Nella mia bocca, sa di pera, pesca, crosta di pane, in una ricchezza piena e complessità molto bilanciate. Bolla morbida, non aggressiva e lunga. Io non ci mangerei niente con questo vino, da degustare godendone! Inoltre, io trovo il packaging azzeccatissimo! O mi sbaglio?

Poi, ci sono bolle che bevi. Ma non ricordi. Zero. Nonostante i grandi nomi e le etichette conosciute. Tipo questa bottiglia di Cà del Bosco Dosage Zero Noir 2007. Ricordo molto bene quando e con chi l’ho bevuta, ma non ho gusti in mente. E allora voglio dire…andrà ribevuta! Un duro lavoro…

image2

 

 

 

 

Un’esperienza di gusto a Stoccolma!

A Stoccolma, in una stanza privata del Bardot Restaurang, una bella rappresentanza del mondo del vino si riunisce per un’esperienza di gusto molto intensa. Momenti tra i più interessanti e speciali del mio lavoro: non solo viaggiare, ma incontrare altri produttori, giornalisti e winelover, condividere idee, punti di vista e commenti su vini a volte poco conosciuti. Ognuno un esperto della propria parte di mondo, ognuno appassionato di una terra o del frutto della terra che sta rappresentando. Ognuno viaggiante, con una storia, un’attività appena iniziata o seguita da una vita. Così succede che il lavoro si trasforma in una serata piacevole, come essere tra amici.

Il vino è un prodotto fantastico: unisce le persone, parla di un territorio e della sua storia, ma soprattutto regala esperienze uniche, storiche e di ‘bontà’. Questo è vero in particolare quando si ha la possibilità di degustarlo in abbinamento con ottimi piatti.

Quando la cucina svedese locale, ingredienti tipici che spaziano dal pesce alla carne, incontrano interpretazioni di vino da diverse parti del mondo, nasce una winemakers dinner da ricordare. Sei portate e nove vini, sette produttori che hanno presentato la serata per trovare l’accoppiata perfetta. Una di questi produttori (unica donna, importante sottolinearlo) ero io! Qui il mio racconto, tra parole e sensazioni, con foto dei piatti e non dei vini…per una volta, cibo!

image1Un’apertura di serata perfetta, con bollicine di Champagne Taittinger, Comtes de Champage Brut Blanc de Blancs 2006, e ostriche. Ora, le ostriche non sono esattamente il mio pesce (mollusco) preferito, anzi la consistenza scivolosa mi fa quasi paura. Ma la curiosità è sempre più forte di me, per cui ho spremuto un mezzo limone sopra la più piccola del piatto, e via! L’abbinamento con la bolla: eccellente. Di certo non è una bollicina qualunque. Cuvée speciale, perlage di un’eleganza indescrivibile e cremoso (quasi burroso). Uno chardonnay complesso, ma elegante, con un’acidità perfettamente integrata e non esplicita. Una punta di mineralità che accompagna la salinità dell’ostrica in modo splendido. Io adoro i blanc de blancs, questo è facilissimo da amare perdutamente.

image2Prima portata a base di carpaccio di tonno yellow tail (tagliato finissimo, un foglio!) marinato con agrumi e jalapeño. In abbinamento: Calles Riesling 2015 Bernhard Mehrlein. Dalla Germania con furore, un riesling secco, molto aromatico con note spiccate di pera, mela e agrumi che si sposa molto bene con la marinatura del pesce. Bene, ma non benissimo.

image3Seconda portata, la mia preferita della serata (che se la gioca col piatto finale): tartare di manzo con parmigiano e tartufo nero. La carne si è sciolta in bocca, il parmigiano pure! Vino in abbinamento dalla Nuova Zelanda: Villa Maria Selezione Pinot Nero 2014. Un blend speciale, da vigneti di Awatere e Wairau Valleys nella zona di Marlborough, che rispecchia questa terra intensa e matura. Esplosione di frutti rossi, ciliegie mature e prugne, ricco ed elegante, speziato come la tipicità kiwi impone. Qui bene, benissimo, da urlo!

image4Arriviamo al merluzzo al burro bianco con salsa (non identificata esattamente) a base di uova di pesce. Un po’ scarico il gusto del piatto, e qui in abbinamento due vini, due stili di Chardonnay: Billaud-Simon Chablis 1er Cru Montee de Tonnerre 2013 e Cambria Benchbreak Chardonnay 2014. Francia e America-California a confronto sullo stesso vitigno, ma con due stili completamente diversi. Momento stimolante e interessante, per capire il mio gusto e quello dei miei compagni di esperienza. Per me vince la Francia qui!

Lo Chablis è ricco (in tutti i sensi), una produzione limitata di chardonnay cremoso e opulento ma con un palato fresco e acidità ben bilanciata, una punta speziata e un finale lungo. Dalla California invece, uno chardonnay legnoso, ricco e leggermente pesante al mio palato. Fresco sul finire, ma lo preferirei come calice senza nulla in abbinamento – il corpo e la complessità lo rendono un ‘pasto’ completo.

image5Ecco la quinta portata, in cui la Romagna ha stravinto (a confronto con l’Austria). Lo so, sono di parte…ma ho delle motivazioni a riguardo! Cote de Boeuf con salsa bernese, verdure in graten e insalata. Ero talmente piena a questo punto che non so nemmeno come ho fatto a finire la carne. Un unico ricordo: Il Nespoli sangiovese superiore riserva 2013. Immenso al naso, elegante in bocca. Un esempio di sangiovese di Romagna puro, secco ma equilibrato, morbido e con una lunghezza speziata. Il secondo vino in abbinamento ha avuto meno fortuna, peccando di una certa giovinezza purtroppo. Dall’Austria, Zweigelt di Sepp Moser che doveva essere una riserva, ma non lo era. Molto fruttato, corposo ma con un’acidità pungente e corta. Una bevuta più adatta a un piatto a base di pomodoro e formaggio probabilmente. Quindi il match non è riuscito qui, ma da riprovare. Anche perché conosco poco il vitigno, quindi la curiosità mi perseguita.

image7Per chiudere in bellezza, mi trovo davanti a una portata che non mi aspettavo. È comune servire formaggi come dessert, soprattutto nel Nord Europa. Quindi mi aspettavo pezzi spessi e puzzolenti. In realtà, piacevolmente sorpresa da un piatto leggero, gustoso e soffice! Fette sottilissime di formaggio, non troppo saporito, con nocciole e un filo di miele. Buono! Due vini anche in questo caso, e chiudiamo con L’Austria che si rifà alla grande. Due stili di Gruner Veltliner, il re dei vitigni bianchi austriaci. Uno più secco e aromatico, mentre il secondo sempre aromatico, ma dolce con note accentuate di pesca, frutta tropicale, miele e mandorle dolci. Mai stata una fan di vini da dessert, ma qui l’abbinamento è impeccabile.

image6E ci si alza da tavola, pieni e un pò brilli. Ma con la sensazione di aver ‘viaggiato’ in diversi paesi e ‘assaggiato’ le storie di nuovi amici, accomunati da una passione: il vino, e il buon cibo. Un esperienza di gusto e di vita. E anche stasera, qualcosa abbiamo imparato!

image9