loader-logo

Glossario di Vivo di Vino

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il mondo del vino è fatto anche di termini tecnici e non sempre conosciuti da tutti. Nei vari articoli di Vivo di Vino, come ad esempio l’approfondimento Come si degusta il vino?, ne ho usati parecchi e diverse volte, anche se cerco di rendere i miei racconti il più semplici e chiari possibili. Ma non si sfugge al tecnicismo!

Per questo motivo, ho deciso di creare un Glossario di Vivo di Vino nel quale potrete consultare i termini ostici o meno chiari. Senza togliere spazio agli argomenti negli articoli, è qui che potete approfondire i vari significati. Spero che col tempo si potrà arricchire di parole tecniche e termini, anche grazie al vostro aiuto. Se avete dei suggerimenti o non trovate qualche parola nel Glossario di Vivo di Vino, potete segnalarmelo. Ne sarei molto felice!

Scrivetemelo nei commenti oppure contattatemi qui.

Glossariodi Vivo di Vino (work in progress)

A

ACIDITA’: è una caratteristica che si ritrova in tutti gli stili di vino (bianchi, rossi, rosati, spumanti). La sensazione si avverte sul lato esterno della lingua e si nota perché produce un aumento di salivazione dopo aver bevuto il vino.

ACIDO: sensazione al gusto che deriva dagli acidi naturali del vino. L’acidità è importante perché regola l’equilibrio in bocca, dando al vino caratteristiche di freschezza, piacevolezza e leggerezza. Se eccessiva, lo rende scarno, piatto o troppo duro, ma comunque non equilibrato.

ALCOLICO: sensazione al gusto che si avverte sulla punta della lingua. Quando un vino è molto alcolico produce quell’effetto ‘caldo’ in bocca, essendo irritante sulle papille gustative.

Potrebbe Interessarti  Come si degusta il vino?

AMARO: sensazione al gusto che deriva dalla presenza di tannini. Per questo motivo si ritrova principalmente nei vini rossi. Sulla lingua è percepito alla base, nell’estremità interna.

B

BRETTANOMYCES

D

DOLCE: sensazione al gusto che si percepisce sulla punta della lingua. È di solito un sapore gradevole dato dalla dolcezza del residuo zuccherino del vino. La percezione di dolcezza può variare a seconda dell’equilibrio degli altri componenti, come freschezza, tannini, ecc.

M

MADERIZZAZIONE

S

SAPIDO: sensazione al gusto che deriva dalla presenza di sali minerali nel vino. Questi si sviluppano a loro volta grazie alle caratteristiche delle uve e delle condizioni in cui vengono coltivate: suolo roccioso, clima fresco e ventilato, in collina o altura, e i metodi di vinificazione.

T

TANNICO: sensazione al gusto percepita sulle gengive e le labbra. Deriva dalla presenza di tannini nel vino, soprattutto quello rosso: è una nota astringente che si ritrova negli estratti vegetali, ed è tipica anche del tè. L’uva è ricca di tannini sulla buccia, i semi e il raspo, ma anche l’invecchiamento del vino in legno può conferire note tanniche.

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *