Posts Tagged ‘Romagna’

Romagna, sangiovese e…sashimi!

Un italiana, due francesi e un giapponese si incontrano in un ristorante giapponese, ma gestito da un inglese. A Londra. No, non è l’inizio di una barzelletta! E’ successo oggi, a pranzo. Perchè gli incontri di lavoro più belli e significativi si fanno davanti a dell’ottimo cibo con le persone giuste. E’ sempre così.

Cosa facevamo lì? Semplice, piazzare vino, o sake, a seconda dei casi. Ecco del sake non so molto devo ammetterlo. Quello che ho scoperto oggi è che questa bevanda giapponese deriva dal riso fermentato, a cui viene aggiunto alcool. L’acqua, la sua qualità o durezza, sembra essere una componente molto importante, che caratterizza poi il prodotto finale. Molti definiscono il sake come ‘vino di riso’. Non è bellissimo? Poi ho scoperto anche un’altra cosa, il sake non è proprio la mia bevanda preferita…

Sake

Sake

Si inizia con una bottiglia di vino francese, che ancora non è sul mercato inglese. Anzi, è proprio un prodotto appena lanciato dalla cantina che lo produce, quindi noi siamo stati i tester! Con una etichetta abbastanza improbabile a mio avviso. Comunque il vino molto buono, 50% cabernet sauvignon da Bordeaux (Médoc) e 50% syrah da Côtes du Rhône. Premesso che ho maturato un odio per la Francia durante il mio corso al Wset, devo però ammettere che tra i pochi vini francesi che mi ricordo con gioia ci sono proprio quelli provenienti dalla Valle del Reno, Côtes du Rhône. Tra cui Syrah e Grenache. Insomma questo vino pur essendo facile da bere, si sposava perfettamente con l’assaggio di sashimi e tartufo che ci hanno servito. Acidità giusta e bello sostenuto. Ha fatto la sua figura!

Sashimi e tartufo

Sashimi e tartufo

Ma la rivelazione è stata il Sangiovese di Romagna abbinato al sashimi, di carne e pesce. Sapevo ovviamente che non poteva deludere! #chetelodicoafa

Sashimi e Sangiovese di Romagna

Sashimi e Sangiovese di Romagna

Questo stile in particolare, fresco, fruttato e con buona acidità compensava benissimo la carne cruda freschissima di tonno, manzo, ma anche branzino e cappesante. Beh sono un pò di parte lo so. Ma non me l’aspettavo nemmeno io, infatti ero pronta col vino bianco in borsa! Ma poi, voglio dire, bisognerà osare a volte? Sperimentare? Trovare alternative anche negli abbinamenti. Basta bere sauvignon blanc e sushi!

E’ andata bene, anche col sushi devo dire. Io amo e adoro il sushi tra l’altro. Mi nutrirei a riso, pesce e alghe tutti i giorni. E amo il Sangiovese. Umami, in quinto gusto, tradizionale anche della cucina giapponese, che si unisce alla più tipica espressione di Romagna. Gemellaggio felice, oggi è andata bene!

L’Albana di Romagna esiste da sempre

Oggi in UK è la festa della mamma. Io non mi trovo a Londra però, ma in Romagna. Come ogni anno decido di festeggiare la mia di mamma due volte, dall’Inghilterra e poi quando la festa è italiana (quest’anno nello specifico l’11 maggio, segna tutto vah…per gli auguri alla tua!). Allora questa mattina le dico: “Sai mamma, oggi in Inghilterra è la festa della mamma..ma anche se sono qua un abbraccio te lo meriti!” – Lei: “Uei, sarà mei fistigè un po ad piò, ujè bsogn!”. E qui lascio la citazione romagnola, mi spiace ma è troppo bella.

Mamma orto

Mamma nell’orto – clicca sulla foto per ingrandirla

Se dovessi paragonare la mia mamma a un vino, lei per me sarebbe l’Albana di Romagna. Innanzitutto, è il vino bianco romagnolo per antonomasia e mia mamma per me è sinonimo (altro…)

Può un commerciale essere romantico?

Son sopravvissuta al primo Prowein della mia vita. E bene anche, solo con qualche ora di sonno arretrata. 8 ore di sonno in due giorni, vedi tu! Della Germania ovviamente ho la stessa idea e immagine di prima: IL NULLA. Visto l’aeroporto di Düsseldorf e la fiera, un ristorante libanese in centro, 3 taxi e un albergo. Quando si dice ‘viaggiare per lavoro è bello’…direi più ‘ho fatto una capatina’, e basta. Ah, zero foto tra l’altro.

E’ un evento enorme. Rimpiango il poco tempo, dato che non ho potuto esplorare come avrei voluto altri padiglioni, paesi e scoprire novità. Ma il lavoro è lavoro, soprattutto in fiera. Bello però avere quella mezz’ora per gironzolare e salutare altri produttori (gli immancabili, quelli che sai che incontrerai), altri commerciali viaggianti (come me) e anche andare a scovare quelli nuovi. Uno dovevo trovare e l’ho trovato! Chissà se un giorno avrò il piacere di scrivere su di lui.

La mia zona è stata l’Italia. Padiglione gigamega, stand grande come la mia stanza da letto. Ma ce la siamo cavata! Tanti i nordici (scandinavi per intenderci) incontrati e ogni volta che assaggiano un vino li scruto attentamente. C’è a chi piace tutto, a chi non piace niente, chi non assaggia perchè è solo il marketingdevelopernonsocosa e non la ‘wine person’ dell’azienda…beh ma che vieni a fare allora? ah sì, a parlare dei vini SU MISURA che vuole il monopolio.

E qui nasce la riflessione che ha ‘tormentato’ la mia presenza in fiera. Non solo per i (altro…)

Pagadebit, più autoctono non si può!

Sono stata a Bristol ieri, per un ‘evento degustativo’. La città del ‘cartonicino bristol’, proprio lei! Dirai, cosa c’entra col Pagadebit? C’entra, perchè è stato il vino più apprezzato dai bristoliani (bristolesi? Boh). Non ho avuto molto tempo per fare la turista, ma ecco uno scatto rubato mentre correvo.

Bristol_Pagadebit

Clicca sulla foto per ingrandirla

E qui il Council City House, dove si teneva l’evento:

Bristol tasting_pagadebit

Clicca sulla foto per ingrandirla

Lo so che può sembrare di parte, lo è in effetti. Ma ti parlerò del Pagadebit di Romagna: è stato (con mi grande gioia!) un successone, è buono ed è romagnolo. What else?

pagadebit

Clicca sulla foto per ingrandirla

Questo vino anche se ancora poco conosciuto in UK, sta guadagnando terreno. La (altro…)