loader-logo

Dry January: cos’è e i benefici

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Dry January: cos’è?

Letteralmente “gennaio asciutto”, ma cos’è davvero il Dry January? E’ uno dei buoni propositi di inizio anno.Una pratica (o forse meglio chiamarla tendenza?) nata in Regno Unito nel 2013, che prevede un intero mese lontano dall’alcol, dedicato al detox e al benessere. Pensate che esiste persino un sito governativo dedicato: Take part in Dry January

Dry January, non a caso, viene “intitolato” al mese di gennaio, dopo i bagordi delle feste natalizie e di Capodanno. Si sa, è il mese della resa dei conti, un nuovo inizio per il quale ci sentiamo tutti aperti ad accogliere ciò che verrà, tra cui la rinnovata iscrizione in palestra e la dieta! Nulla ci vieta di dedicarci un mese di astinenza alcolica anche in altri periodi dell’anno. Infatti pare portare diversi benefici!

5 benefici del Dry January

Cari lettori di Vivo di Vino, ci vuole motivazione, lo so bene. Soprattutto per gli amanti del buon vino e del buon bere in generale. Ad ogni modo, possiamo farcela, sono solo 31 giorni dedicati a noi e al nostro fegato 🙂 Diversi esperti sostengono che già dopo 24 ore senza alcolici il livello di zuccheri nel sangue scende e dopo 72 le energie sono alle stelle. Ecco qui 5 benefici del Dry January da considerare:

  1. Il fegato si depura dalle tossine e diminuisce la probabilità di malattie, come la cirrosi epatica
  2. La pelle sarà più luminosa e idratata (ricordiamoci di bere tanta acqua, sempre!)
  3. La pancia: eliminare alcol per un mese aiuta a sgonfiarla e ha diminuire il girovita
  4. Migliora la qualità del sonno e del riposo
  5. Aiuta la creatività e la concentrazione: d’altronde bisogna trovare delle alternative alcol-free!

Consigli di sopravvivenza

Non rinunciate comunque alla vita sociale. Si può sempre apprezzare un aperitivo con gli amici gustando bevande analcoliche e magari create direttamente da voi. Vi consiglio di leggere, a questo proposito, l’articolo di Dissapore: I 10 cocktail analcolici più famosi al mondo

dry january cocktail

Immagine tratta da www.dissapore.com

Unire l’astinenza da alcol ad una alimentazione più equilibrata, almeno per 31 giorni, può aiutare davvero a raggiungere un detox efficace! A mio parere sarebbe l’ideale. E’ anche vero che non è sempre facile e bisogna ascoltarsi, senza pensare che il “tutto subito” sia una regola generale. Una cosa alla volta, senza forzarsi ma con un obiettivo ben in mente, mi raccomando! Ho trovato tanti spunti in questo articolo di Cookist: Alimenti detox

dry january detox

Un’altra parola d’ordine è idratare!! Personalmente adoro tisane di qualunque tipo, è una buona abitudine da adottare non solo nel mese di gennaio. Inoltre, ho trovato tantissimi spunti su Pinterest per quanto riguarda l’acqua aromatizzata. Con l’aggiunta di frutta, spezie, erbe… o quello che vi piace di più!

dry january acqua aromatizzata

Immagine tratta da www.buzzfeed.com

Per concludere

Spero che questo articolo vi sia stato utile! Il Dry January è ormai un’etichetta che si usa per i buoni propositi di inizio anno, ma ricordiamoci che il consumo consapevole di alcol è buona pratica per tutto l’anno. Non sarà un trend passeggero: molte aziende e multinazionali che producono alcolici (vino, birra, etc.) stanno già lanciando bevande con basso tenore alcolico o analcoliche.

Io ci provo a gennaio 2022, e voi?? 😉


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per ottimizzare la navigazione e i servizi offerti. Cliccando il pulsante accetta si acconsente all’utilizzo dei cookie ma si ha il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrire un’esperienza migliore. Per informazioni sui cookie utilizzati in questo sito visita le pagine dedicate: cookie policy – privacy policy