loader-logo

Pesce, lenticchie e bollicine: l’abbinamento di Capodanno!

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Buon anno nuovo amici di Vivo di Vino!! Questo è il primo articolo del 2021 e vi vorrei raccontare del mio personale abbinamento di Capodanno: pesce, lenticchie e bollicine.

Questo capodanno è stato diverso dal solito. Siamo stati costretti a stare in casa, essendo tutta l’Italia zona rossa, e limitati nella libertà ‘di far festa’ assieme ai nostri cari. Non per questo però abbiamo rinunciato ai festeggiamenti! Vale per l’ultimo giorno dell’anno come per qualunque altra occasione da celebrare.

Non sono mai stata una grande amante del Capodanno, lo devo ammettere. Però amo cucinare, nel mio piccolo, e abbinare del buon vino. Per salutare il ‘funesto’ 2020 ho preparato una cena minimal, essenziale, ma che mi ha dato grande soddisfazione. Volevo dedicarmi al pesce, ma senza rinunciare alle lenticchie: portatrici di fortuna (in tutti i sensi) si spera! Ovviamente brindando con le bollicine, ma non solo.

Ecco qui di seguito due ricette facili facili e gli abbinamenti di vino. Ricordatevi: vanno bene sempre, non solo a Capodanno 🙂

Riso rosso integrale con code di gambero in salsa di avocado

Cosa vi serve? Dosi per due persone

  • 200 gr di Riso rosso integrale
  • Mezza cipolla
  • 1 carota
  • 10/12 code di gamberi freschi
  • Mezzo bicchiere di vino bianco per sfumare
  • 1 avocado maturo
  • succo di mezzo limone
  • olio EVO
  • Sale

Per il riso: far bollire l’acqua e cuocere il riso per 20 minuti. Intanto passare in una padella la cipolla tagliata fine e la carota tagliata a dadini, con abbondande olio EVO. Scolare il riso e unirlo alla cipolla e la carota, in una ciotola a parte, lasciandolo raffreddare.

Potrebbe Interessarti  3 Vini Rosati da non perdere

Per le code di gambero: pulire i gamberi, togliendo la parte esterna ed eliminando l’intestino. Passarli in padella con un filo d’olio, sfumando col vino bianco. Io non aggiungo mai il sale, si deve sentire il sapore del pesce!

Salsa di Avocado: tagliare l’avocado e togliere il seme interno. Schiacciare la polpa in una terrina, con una forchetta, fino a ridurlo in crema (si può usare anche il mixer). Aggiungere olio, succo di limone e sale. A piacimento anche pepe e paprika dolce. Mischiare con energia. Io ho tenuto da parte anche un po’ di polpa tagliata a dadini, da aggiungere al riso.

Il riso va servito freddo, con gamberi caldi o tiepidi. Se mettere il riso in delle formine tonde, darete una forma carina per l’impiattamento. Adagiate i gamberi sopra il riso e la salsa a parte, così da aggiungerla a piacimento mentre si mangia. Siccome io non avevo le formine, ho messo il riso in una tazzina di grandezza media a forma di cupola. Bisogna solo capovolgerla lentamente e con garbo, et voilà!

Cosa abbinare? Il vino che ho scelto è:

100% Garganega: mineralità tagliente che si abbina perfettamente alla delicatezza del riso e dei gamberi. Cito l’etichetta: “sa di pioggia che cade sul selciato, sui sassi neri dei muretti a secco, di quel buon odore che sprigiona la campagna toccata dalla prima acqua”. Ed è così!

Prezzo: €14,00 su XtraWine

Polpette di Merluzzo su salsa di lenticchie piccante

Cosa vi serve? Dosi per due persone

  • 250 gr di filetto di merluzzo
  • 200 gr di Patate
  • Pan grattato
  • 2 uova
  • Mezza cipolla
  • 1 carota
  • Polpa di pomodoro a pezzi
  • olio EVO
  • Sale
  • Pepe
  • Peperoncino
  • Curcuma
Potrebbe Interessarti  Cocktail: ricetta con vino rosso

Per le polpette: lessare le patate. A parte, lessare leggermente il merluzzo, farlo a pezzi e passarlo leggermente in padella con un filo d’olio. Lasciare raffreddare e poi mettere il tutto in un mixer. Frullate bene fino ad ottenere una crema. Messa la crema in una terrina, aggiungere sale, pepe, un uovo e pan grattato quanto basta per avere un composto di media consistenza. Non deve essere troppo molle, ma nemmeno troppo dure. Vi deve consentire di formare delle polpette, tonde e un pò schiacciate sopra e sotto. Non vi sono dire la dose di pan grattato perchè io di solito vado ‘ad occhio’! Seguo le mie mani e la consistenza ecco.

Una volta formate le polpette, adagiatele in una teglia su carta da forno. Cuocere in forno statico (pre-riscaldato) a 180°C per 15/20 minuti

Per la salsa: preparare un soffritto con la cipolla e la carota. Aggiungere la polpa di pomodoro a pezzi e lasciare cucocere per 10 minuti. Aggiungere sale, pepe, peperoncino, curcuma e un filo d’olio. Mischiare bene ed aggiungere poi le lenticchie già cucinate.

Lenticchie: io ho usato quelle secche, lasciate in ammollo una notte. Una volta scolate, le ho fatte bollire per un’ora abbondante in acqua e brodo vegetale. Siccome le lenticchie aumentano di volume una volta cotte, considerate che potete aggiungere acqua all’occorrenza. Non deve però essere fredda, perché bloccherebbe la cottura, facendo così disperdere il sapore del legume.

Ho servito la salsa di lenticchie piccante in un piatto fondo, adagiando le polpette sopra. Il mio consiglio è di mangiarle ‘inzuppate’ nella salsa. Più piccante è, meglio è!

Potrebbe Interessarti  Cocktail: ricetta con vino bianco

Cosa abbinare? Pesce, lenticchie e… bollicine!

Chardonnay, Pinot Nero e Pino Bianco: affinamento di 70 mesi sui lieviti, senza poi aggiunta di solfiti e zuccheri. E’ un vino biologico e ne sono prodotte solo 580 casse. Una chicca: bolla fine e persistente, con sentori di erbe aromatiche e un bel finale minerale e amaro, che aiuta nell’abbinamento piccante. Fresco e cremoso.

Prezzo: circa €20,00 in cantina

Per concludere

Vi è piaciuto questo articolo? Spero che le ricette possano esservi utili, soprattutto quando siete alla ricerca di idee facili e veloci. Io ho cercato qua e là, ma poi ho declinato i procedimenti a mio gusto. L’unica cosa certa che avevo per la serata era il vino! Mai smentirsi!

Fatemi sapere se avete dei suggerimenti in merito oppure, se provate le ricette, sono curiosa di sapere cosa avete prodotto. Scrivetemi nei commenti o in privato. Alla prossima!! E ancora buon anno amici!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *